Bedda Matri


Vai ai contenuti

Proverbi

Ricette e proverbi siciliani

Tra gli innumerevoli proverbi siciliani, abbiamo selezionato quelli più legati alla cucina ed al buon cibo, certi che vi faranno meditare con la loro saggezza popolare e sorridere con il gusto tipicamente siciliano dell’ironia.


Acqua, cunsigghi e sali: senza addumannàti nun ni dari (acqua, consigli e sale: a chi non li domanda non li dare)

Carni fa carni, pani fa panza, vinu fa danza (la carne da sostanza, il pane fa pancia e il vino fa danzare)

Lu cafè santiannu e la cicculata ripusannu (il caffè fa imprecare e la cioccolata fa riposare)

Lu friddu e lu pitittu fannu lu mussu afflittu (il freddo e la fame rendono l’asino afflitto)

A pignata vaddata non vugghi mai (la pentola guardata non bolle mai)

Aspittari e non veniri, jiri a tavula e non manciari, jiri o lettu e non durmiri su` tri peni di muriri (aspettare qualcuno che non viene, andare a tavola e non mangiare, andare a letto e non dormire sono tre pene da morire)

Ammàtula ca t’alliffi e fà cannola,… u santu è di màrmuru e non suda! (è inutile che ti fai bello e fai cannoli.... il santo è di marmo e non suda!)

Pani ed olivi, mai saturi ti vidi (con pane e olive non ti sazi mai)

Ziti a vasari e babbaluci a sucari, su’ cosi chi nun ponnu mai saziari (fidanzati a baciare e lumache a succhiare sono cose che non possono mai saziare)

E d’ogghiu metticcinni ‘na bisàzza,……cònsila commu vò,….sempr’è cucuzza! (e di olio mettine tanto, ....... condiscila come vuoi….sempre è zucca!)

La furmica si carria lu frumentu, la cicala canta e si lu mancia (la formica si trascina il frumento, la cicala canta e se lo mangia)

Mangia di lu to mangia e sierbitinni beni (mangia del tuo e serviti bene)

Agnieddu a sucu e finiu lu vattiu (agnello al sugo e finì il battesimo)



Torna ai contenuti | Torna al menu